Settembre, mese del compleanno di Frodo e di Bilbo, è per tradizione il mese più ricco di festeggiamenti su Tolkien non solo in Italia. Tra due settimane scarse comincia l'Oxonmoot della Tolkien Society alla Oxford University, che insieme al Mythcon della Mythopoeic Society negli Stati Uniti (tra luglio e agosto) è la manifestazione più importante dell'anno in tutto il mondo. Quest'anno parteciperà un giovane artista italiano che abbiamo avuto il privilegio di sostenere insieme ad altri in occasione dei Tolkien Society Awards e che poi è stato riconosciuto come autore della miglior opera d'arte del 2014: facciamo i nostri migliori complimenti a Fabio Leone per il suo viaggio d'Oltremanica a raccogliere gli onori che merita e ad esporre i suoi meravigliosi lavori

Ma torniamo nello stivale. Vi avevamo anticipato che settembre sarebbe stato il mese dei grandi eventi, dei festival, tolkieniani ed eccoci, a pregustare i sapori della festa a pochi giorni dal via alle danze. La Puglia godrà di due fine-settimana consecutivi (ma sarà davvero tutto di guadagnato?), tra Barletta e Trani, mentre toccherà al Piemonte a chiudere i giochi. Nel frattempo abbiamo il piacere di aggiungere il vicino congresso svizzero del Greisinger Museum (sia per la lingua che per la raggiungibilità, oltre che per l'amicizia che ci lega) al nostro calendario e ovviamente tutti i raduni di gruppi di appassionati che ci verranno segnalati.

Comincia ad agosto l'estate di Tolkien in Italia. Dall'inizio di agosto alla fine di settembre sono concentrati 5 dei più importanti eventi annuali su Tolkien, dai lungomare del Messinese alla piemontese Val Pellice, le associazioni della penisola dedicate a Tolkien si sono impegnate (e si stanno ancora impegnando) per raccogliere appassionati dei dintorni e di tutt'Italia. Poi, ovviamente, continuano gli incontri mensili degli smial: noncuranti del periodo vacanziero o forse proprio per far fruttare al massimo le vacanze, i gruppi si danno appuntamento per i loro raduni ordinari. Insomma, per il tolkieniano italiano di ogni dove non c'è proprio modo di lamentarsi.

La Tolkien Society, Società Tolkieniana d'Inghilterra ma con membri in tutto il globo, ha dato il via alla seconda edizione dei TS Awards, premi che la società dedicata con più aderenti conferisce dall'anno scorso ai migliori contributi nello studio dell'opera di Tolkien, la pubblicazione letteraria o giornalistica, l'arte derivata o ancora alla comunità degli appassionati.

Finalmente Santi Pagani nella Terra-di-Mezzo di Tolkien viene presentato anche a Milano, dopo Modena e Roma. Al Museo Wow, nella penultima domenica di La Magia dell'Anello, l'autore Claudio Testi si confronta sulla tesi che si è imposta nella critica internazionale con i veterani del tema in ambito nazionale Paolo Gulisano e Marco Respinti. Vista l'importanza dell'appuntamento Radio Brea trasmetterà in diretta la conferenza, che sarà quindi disponibile via web a tutti e, nel caso l'orario (17.00) sia proibitivo, anche in differita con il podcast. Dopo il salto tutti i dettagli della conferenza e degli altri appuntamenti di questa domenica e il live dalla radio, da cui potrete ascoltare la conferenza e le altre iniziative della giornata.

Il tanto richiesto programma di appuntamenti e conferenze per la manifestazione La Magia dell'Anello - da Tolkien a Jackson , di cui Tolkien Italian Network ha gestito il coordinamento, è ora disponibile in questa pagina fino alla fine di Febbraio. Sebbene in altre sedi abbiano già promosso alcuni appuntamenti di Marzo, il calendario del mese completo e corretto comparirà qui nei prossimi giorni. 

Il primo approfondimento sulla mostra La Magia dell'Anello non poteva che trattare di uno dei suoi elementi di assoluto spicco, opere originali che hanno del leggendario per la loro storia, a partire dalle circostanze in cui sono nate: alla corte di Danimarca, a qualche stanza dalla camera da letto dei giovani principi, dalla matita di nientemeno che la futura regina Margherita II, riuscita nell'arduo compito di affascinare perfino Tolkien. Il Comunicato di Spazio Wow che qui diffondiamo sarà più che esplicativo.

Saranno ben 7 le illustrazioni a pagina intera esposte in mostra, di cui 3 sono le illustrazioni realizzate per le copertine dei 3 volumi; delle altre 4 potrete vederne una direttamente nel comunicato, usata poi come frontespizio del Libro V per la prestigiosa edizione inglese della Folio Society (1990). Altre 52 sono invece le piccole illustrazioni in apertura di capitolo, raccolte a in terzetti (vedi in foto-anteprima). 

 

Nonostante molto sia ancora da definire, visto il giusto e tuttavia sorprendente entusiasmo che l'iniziativa sta riscontrando in tutt'Italia e nonostante le poche informazioni trapelate, pubblichiamo subito il COMUNICATO STAMPA che Spazio Wow ci ha presentato. Ecco a voi La Magia dell'Anellola mostra invernale a Milano che raccoglierà intorno a sé una quantità di attività a tema superata solo dalle grandi kermesse tolkieniane.

Noi di Tolkien Italian Network, insieme al nostro organo consociato di Sentieri Tolkieniani, Radio Breaabbiamo stipulato una media partnership per tenervi informati di tutti gli aggiornamenti di programma. Nell'ultimo paragrafo troverete infatti qualche riga che apre alle attività di prossima definizione e alle quali faremo il possibile per contribuire anche come organizzatore. Intanto vi comunichiamo già della partecipazione di Veerena, che esporrà i suoi magnifici abiti e quella del sottoscritto che curerà una presentazione sul ruolo delle lingue di Arda all'interno della narrazione e della concezione tolkieniana, evidenziandone la centralità, sancendo così la partecipazione di Eldalië.

PER RICEVERE TUTTI GLI AGGIORNAMENTI
Mettete Mi Piace e scorrendo appena sotto Ricevi Notifiche
alla nostra pagina Facebook ufficiale >>
e partecipando all'evento

 

Ringraziamo sentitamente Società Tolkieniana Italiana e ovviamente Spazio Wow per averci invitati in questa magnifica iniziativa, che apre un 2015 tolkieniano tutto da scoprire. L'#Ultimo Viaggio nella Terra-di-Mezzo? Nient'affatto.

Vi attendono tante sorprese se parteciperete a Lo Hobbit - La Trilogia in HFR 3D. Abbiamo fatto il possibile perché il pomeriggio di martedì rimanga indelebile nei vostri ricordi (quanto alla notte successiva, ci penserà Peter Jackson): gli editori Bompiani Marietti hanno generosamente concesso a noi di Tolkien Italian Network opportunità uniche per tutti coloro che si raggiungeranno per l'evento cinematografico dell'anno. Concorsi a premi, libri scontatissimi, le feste quest'anno iniziano il 16 a Melzo e Mestre.

Martedì, 02 Dicembre 2014 10:08

Gli appuntamenti tolkieniani di Dicembre

Scritto da

Dicembre è un mese festoso e ricco di sorprese, e quest'anno i regali per i tolkieniani non mancheranno di certo: sono molti infatti gli eventi in programma, disseminati per tutta la penisola, dedicati sia al film di prossima uscita, sia a presentazioni di libri e a corsi di approfondimento. Oltre ai nostri primi eventi di rete, anche alcuni dei nostri consociati di cui vi parleremo più approfonditamente nei prossimi giorni!

La Società Tolkieniana Ungherese, assieme all'Institute of English and American Studies at Pázmány Péter Catholic University, rende noto di aver indetto la quinta edizione della Conferenza accademica sulle opere di JRR Tolkien.
 
L'evento è in programma il 3 e 4 settembre 2015 a Budapest, capitale magiara: il tema scelto è J. R. R. Tolkien: l'individuo, la comunità, la società

Il focus principale della prossima Conferenza sarà dunque l'aspetto sociale dell'opera di Tolkien, in particolare il ruolo dell'individuo nella comunità. I ricercatori sono incoraggiati a esplorare il tema alla luce delle sue implicazioni letterarie e culturali, oltre che ad avviare una discussione
sulla dimensione etica delle società raffigurati nelle opere di Tolkien, in un contesto filosofico-teologico o letterario. Saranno tuttavia gradite anche relazioni su temi collaterali, variamente riconducibili al filone principale prescelto. L'obiettivo dichiarato dell'iniziativa è quello di raggiungere e coinvolgere nel settore degli studi tolkieniani, dato in netta espansione anche in Ungheria, di un sempre maggior numero di studenti universitari, professori e ricercatori, sia di provenienza nazionale che da oltre confine.

Lingue ufficiali del convegno sono l'inglese e ungherese. Le presentazioni dovranno essere contenute entro un limite massimo di 20 minuti: è richiesto l'invio di un estratto dell'intervento, di lunghezza compresa tra le 250 e le 300 parole, non oltre il 22 febbraio 2015 all'indirizzo e-mail konferencia / a / tolkien / dot / hu.

Le Conferenze Accademiche su Tolkien in Ungheria presero il via ad opera del noto studioso Gergely Nagy nel 2003. Nagy, ex membro della Società, è tuttora ritenuto il principale ricercatore e studioso delle opere di Tolkien del suo paese. A lui si deve l'organizzazione di tre passate edizioni delle Conferenze Accademiche, in collaborazione con le Università di Pécs e Szeged. La quarta Conferenza fu indetta per iniziativa della Società Tolkieniana Ungherese in collaborazione con l'Università della Chiesa riformata Karoli Gáspár, nel 2012, che per l'occasione come relatori coinvolse figure di rilievo assoluto come Verlyn Flieger e John Garth.
 
 

 
Oltre alla pregevole iniziativa di cui sopra, ve n'è in corso un'altra non meno meritevole. Con motivato orgoglio la Società ha lanciato anche quest'anno della Tolkien Mailing Competition. Si tratta di un concorso, il cui svolgimento è previsto per l'appunto via email, nel corso del quale ciascun partecipante dovrà affrontare diverse sfide - quiz, indovinelli e attività creative - nell'arco di cinque turni che si snodano nel periodo che va da ottobre a marzo. I testi degli email sono redatti in inglese e la partecipazione è aperta a tutti, ma gli organizzatori fanno sapere che la fascia di età consigliata (per via di esperienze pregresse) si attesta tra i 15 ei 35 anni, che in sintesi si può riassumere come "giovani adulti"; pur non essendo tassativa, questa delimitazione si deve al fatto che originariamente la gara era rivolta agli studenti delle scuole medie e superiori, cosicché si è consolidata secondo uno stile al quale non si prevede di apporrare significativi cambiamenti. Nota curiosa, i partecipanti di nazionalità non ungherese sono inseriti in una apposita categoria denominata "Quendi". Non viene richiesta alcuna quota di iscrizione.

La Mailing Competition (che ha per acronimo TLV, dal corrispondente ungherese "Tolkien Levelező verseny") si tiene quest'anno per la nona volta. Le prime sette edizioni sono state organizzate solo in lingua ungherese e non prevedevano la possibilità di partecipare dall'estero. Vi si sono cimentati in prevalenza gruppi di studenti di età compresa tra 10-18 anni, i quali hanno gareggiato in tre categorie di diversi livelli di difficoltà - Hobbit, Dúnedain e Noldor. Le varie decine di iscrizioni hanno incoraggiato la Società ad allargare gli orizzonti, così l'anno passato si è deciso di rendere la competizione internazionale, con risultato è stato decisamente incoraggianti.
Per quanto attiene alla categoria internazionale, il fatto che la sfida e le comunicazioni siano interamente in inglese non deve fare paura, avverte la Società:
 
Non avrete bisogno di essere fluenti in inglese per partecipare al concorso. Dovete solo essere in grado di comprendere i testi di Tolkien e di scrivere un breve saggio, che non dovrà essere di livello accademico.
 
È stato impostato un limite massimo di 60 di partecipanti in questa categoria. Il numero di iscritti l'anno scorso si è tenuto al di sotto del limite. La partecipazione nella categoria Quendi richiede una conoscenza approfondita delle opere principali, canoniche e non: Lo Hobbit, Il Signore degli Anelli, Il Silmarillion e in certa misura The Children of Hurin. Alcune domande (indovinelli, quiz, ecc) potranno far riferimento ad altre opere di Tolkien, ma dato che il tempo a disposizione si aggira attorno alle quattro settimane circa per ogni turno,  vi è in effetti parecchio tempo per documentarsi a dovere anche su altri testi.

Vi saranno anche alcune sfide creative: ad esempio, potrebbe essere chiesto di descrivere una situazione, scrivere una breve poesia, fare un disegno o scattare una fotografia, senza obbligo di cimentarsi in ognuna delle specialità. Siccome lo spirito dovrebbe essere quello di arricchire le ricerche con contributi originali da mettere a disposizione, la Società chiede di concedere gratuitamente i diritti di riproduzione delle opere creative: quelle ritenute più meritevoli saranno messe in giusto risalto sul sito tolkien.hu.

Non è prevista la consegna di premi nella categoria internazionale, se si eccettua la gratificazione dell'annuncio pubblico del proprio successo attestato inoltra da un certificato che verrà inviato via e-mail.

 
Pagina 1 di 3
Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn